Dal primo agosto torna il numero chiuso controllato al Pnalm

Da oggi primo agosto torna al Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise il "numero chiuso controllato". Vuol dire che, per tutelare la fauna ed in particolare il camoscio appenninico e l'orso bruno marsicano, l'accesso ad alcuni tra i sentieri più belli e conosciuti del Parco sarà possibile solo con escursioni organizzate, in giorni prestabiliti e con determinate modalità. L'avviso è stato pubblicato sul sito ufficiale del Pnalm.  La limitazione della circolazione in alcune aree è un provvedimento ormai adottato da molti anni, con l'obiettivo di evitare che l'abbondante affluenza di turisti e visitatori interferisca con la vita degli animali

numero chiuso controllato al Pnalm


Le aree interessate alle misure di tutela sono essenzialmente quattro. La prima è la val di Rose da Civitella Alfedena: con il sentiero L1 si accede a Passo Cavuto e poi a Forca Resuni, in un ambiente che d'estate è frequentatissimo dai camosci. La seconda è il Monte Amaro di Opi (sentiero F1 da Val Fondillo) ugualmente habitat dei camosci. Stessa motivazione per l'ascesa al Monte Meta con il sentiero L1 dal Pianoro Campitelli (Alfedena). In tutti e tre i casi la la misura durerà fino al 13 settembre. Dipende invece dalla possibile presenza di orsi la chiusura dei sentieri C5 E B4 nella zona di Pescasseroli, che si protrarrà fino al 20 settembre.

Camoscio nei pressi di Passo Cavuto
Un camoscio nei pressi di Passo Cavuto


Commenti

Post popolari in questo blog

Lago della Montagna Spaccata, quella bellezza non proprio naturale

La Cicerana, viaggio al termine dell'autunno

Il ponte di ferro e il paesaggio della Val Fondillo