Animali a rischio: c'è anche il coleottero del faggio

Quando si parla di animali a rischio di estinzione nel Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise è impossibile non pensare subito all'orso, con giusta preoccupazione visto che gli esemplari in circolazione sono attualmente non più di una cinquantina. Ma la natura ovviamente è molto più varia e complessa e la difesa della biodiversità passa anche per l'impegno a tutelare tante altre specie, comprese quelle che hanno dimensioni molto più piccole e vita più breve.

È il caso ad esempio della rosalia alpina. Si tratta di un coleottero davvero bello, che a dispetto del nome non vive solo sulle Alpi, ma in varie aree d'Europa e appunto anche in Appennino. Riconoscibilissimo per il colore azzurro cenere sul quale spiccano macchie nere, ha dimensioni che vanno da 1,5 a 4 centimetri. Caratteristiche sono pure le lunghissime antenne. L'altro suo nome è "cerambice del faggio" e già questo spiega il legame con il Parco, dove le faggete certo non mancano: quello che rischia di venire meno però - in tutto il continente - è in particolare è il legno morto (rami e tronchi) decisivo per lo sviluppo delle larve. Se il bosco viene molto sfruttato, come si spiega in questo interessante articolo, anche l'habitat del coleottero è a rischio.


un esemplare di Rosalia alpina alla Camosciara
Un esemplare di Rosalia alpina incontrato alla Camosciara

Cosa si può fare allora? I singoli forse hanno limitate possibilità di migliorare la situazione, anche se quando una specie è a rischio di estinzione per lo meno a livello locale è senz'altro utilissimo anche evitare la raccolta del coleottero a fine di collezionismo: molto meglio lasciarlo dov'è. Proprio la bellezza della rosalia alpina ne fa un "specie ammiraglia" che può aiutare a sensibilizzare il grande pubblico sulla necessità di misure a tutela della biodiversità. Un po' come accade per il più grande orso marsicano.




Commenti

Post popolari in questo blog

La Cicerana, viaggio al termine dell'autunno

L'orso in equilibrio nel Parco (purtroppo precario)

Tutti i sentieri portano nel Parco